393 Dolomiti… La Cascata Sbarco di Fanes

ATTENZIONE le Cascate, le Forre, i Canyon, sono strettamente legate alle condizioni meteorologiche in prossimità di un peggioramento meteorologico il pericolo aumenta drasticamente l’attenzione va posta principalmente ad un alluvione improvvisa, innalzamento del livello di acqua nella gola o nella forra o canyon con il pericolo di rotolamento dei sassi sia quelli posti sopra la testa che nel torrente o dalla Cascata.

pescando tra i ricordi e sfogliando gli album delle foto… pubblichiamo questo racconto…

Cascate Sbarco di Fanes
Cascate Sbarco di Fanes © Copyright 2010 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Titolo: tra Mille spruzzi d’acqua… Cascata Sbarco di Fanes
Data: 25-7-2010
Cima: nessuna
Gruppo Montuoso: Fanes Sennes
Cartina: Tabacco foglio 03 Cortina d’Ampezzo e Dolomiti Ampezzane
Segnavia: CAI 10-401
Tipologia sentiero: Escursionistico Attrezzato
Quota partenza: 1320 m.s.l.m
Quota da raggiungere: 1830 m.s.l.m
Dislivello: 510 m
Tempo*: 5 ore
Difficoltà*: Escursionistico tratti attrezzati E.E.A.
Giro: Circolare
Punti di appoggio: nessun punto di appoggio sul percorso
Acqua, sorgenti: sì
Località: Fiàmes
Copertura cellulare: dato non rilevato
Parcheggio/i: sì
Partecipanti: autori
Autore/i: Paola Sal
Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento.

Premessa: questa è la terza escursione che facciamo insieme, dopo il Casel Sora ‘l Sass scegliamo questo itinerario spettacolare che per sentiero, a tratti attrezzato, ci conduce tra rocce, acque copiose e cascate fino alla confluenza delle valli di Fanes e Travenanzes.

L’escursione in dettaglio: superiamo Cortina, ci dirigiamo verso Fiàmes e parcheggiamo all’ingresso della casa del Parco Nazionale delle Dolomiti d’Ampezzo in zona Ponte Felizòn. Il percorso è ad anello, ben segnalato, noi scegliamo il senso antiorario. Iniziamo prendendo la stradina segnavia CAI 10-401 che si addentra pianeggiante nella valle, passiamo sotto le rocce di Podestagno (sulla sommità anticamente sorgeva un fortilizio, oggi ne restano i ruderi), camminiamo fino ad attraversare un ponte di legno e continuiamo alla nostra destra (sulla sinistra orografica del torrente Fanes) tralasciando la stradina a sinistra con indicazioni Ponte Outo. Attraversiamo i bellissimi prati del Pian de Loa, alla nostra sinistra il Col Rosà, alla destra il Monte Taburlo. Alcuni grandi abeti troneggiano solitari con la loro immensa chioma che si abbassa fino a toccare terra, sono le “Ra Ciòces” conifere maestose che, come le chiocce, proteggono e preservano dalla neve e dal freddo il terreno attorno a loro. Saliamo nel bosco fino a raggiungere un belvedere proprio sopra la grande forra in cui s’incontrano i torrenti che formano le cascate Fanes e Travenanzes.

Cascate Sbarco di Fanes
Cascate Sbarco di Fanes © Copyright 2010 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Dal culmine roccioso scendiamo per il canalone ripido, ben sistemato con tronchi posti a formare un sentiero a zig zag, raggiunto il fondo ci dirigiamo verso il tratto attrezzato. Assicurati al cavo d’acciaio saliamo facilmente le rocce, passiamo una piccola forcella e raggiungiamo la Cascata Bassa di Fanes. E’ emozionante poter passare proprio dietro al grande salto d’acqua, alcuni spruzzi ci raggiungono ma è una “doccia” piacevole! Il tratto è ben attrezzato e lo superiamo senza problemi per poi risalire per una bella cengia, sempre protetti, fino alla sommità opposta della forra. Qui troviamo un area sosta attrezzata con panchina, invece di riposare scendiamo un poco per la stradina fino al Ponte Outo (Ponte Alto) sospeso sopra una forra di impressionante, selvaggia bellezza.

Cascate Sbarco di Fanes
dentro la cascata © Copyright 2010 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Il rombo del torrente Travenanzes, sotto di noi di 80 metri, è possente. Una leggenda racconta di un cavaliere che, rincorso dai nemici, saltò col suo cavallo questo abisso, portandosi in salvo. Leggenda a parte, tutto il luogo è straordinario, pieno di gole, anfratti e cateratte. Ritorniamo sui nostri passi e proseguiamo per scorciatoia (cartelli) verso la Cascata di Fanes di Sopra. Saliamo brevemente lungo il sentiero, attraversiamo il Rio Fanes su un ponticello, continuiamo a salire tornando ad attraversare il torrente, proseguiamo lungo il rio che scorre in mezzo al bosco fino a arrivare in vista della seconda grande cascata.  Anche qui una fune metallica ci permette di passare in cengia dietro al magnifico salto d’acqua, lo “Sbarco di Fanes” per poi risalire, aiutati da un altro tratto attrezzato, una breve parete di roccia, guadagnando un punto panoramico sopra la cascata. E’ possibile evitare questo tratto percorrendo un sentiero a sinistra, ma i pochi metri di “ferrata” sono veramente emozionanti. Potremmo considerare conclusa l’avventura ritornando al Ponte Outo ma raggiunta la stradina continuiamo a salire fino a arrivare a un magnifico pianoro, Pian dei Straerte, solcato dal torrente Fanes che ora non precipita rumorosamente con salti spumeggianti ma scorre pacificamente serpeggiando fra i prati paludosi della Val di Fanes, tra il Monte Taburlo e la Croda del Valon Bianco.

Cascate Sbarco di Fanes
Cascate Sbarco di Fanes © Copyright 2010 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Raggiungiamo un bel laghetto (Lago di Fanes, m.1830 circa) sorvolato da leggerissime libellule e finalmente facciamo una pausa, ben meritata. Dopo la sosta torniamo indietro fino al Ponte Outo e proseguiamo per la stradina sterrata (CAI 10-401) che scende tra i boschi sulla destra orografica del torrente. Ai lati della strada, in mezzo agli abeti, sono ancora visibili i lunghi solchi delle trincee della Grande Guerra, quasi sommerse dalla vegetazione ma ancora testimoni dei tragici eventi. Camminiamo fino a tornare al punto di partenza e raggiungere la nostra auto.

ATTENZIONE le Cascate, le Forre, i Canyon, sono strettamente legate alle condizioni meteorologiche in prossimità di un peggioramento meteorologico il pericolo aumenta drasticamente l’attenzione va posta principalmente ad un alluvione improvvisa, innalzamento del livello di acqua nella gola o nella forra o canyon con il pericolo di rotolamento dei sassi sia quelli posti sopra la testa che nel torrente o dalla Cascata.
Sal & Paola
© Copyright 2010 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

3 Comments

  1. Bellissima escursione, sia d’estate che d’inverno. D’altra parte, ogni ascensione fatta sulle singole cime del Fanes sono strepitose, soprattutto d’inverno. Ho in mente il piz Lavarella o il più semplice Col Bechei. E perché no il Lungo tratto del Vallon Bianco e il suo Castelletto. Grazie di avermi fatto rivivere dei bei momenti

    Piace a 1 persona

se ti va lascia la tua traccia...

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.