395 Belvedere Casel sora ‘l Sass

Belvedere Casel sora ‘l Sass
Bosconero © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Titolo: belvedere… Casel sora ‘l Sass
Data: 18-7-2015
Cima: Belvedere di Mezzodì
Gruppo Montuoso: Spiz di Mezzodì
Cartina: Tabacco foglio 025 Dolomiti di Zoldo Cadorine e Agordine
Segnavia: CAI 525-534
Tipologia sentiero: E.E.A – Escursionistico
Quota partenza: 1200 m.s.l.m
Quota da raggiungere: 1528 m.s.l.m
Dislivello: 328.m
Tempo*: in giornata
Difficoltà*: F facile E.E.A.
Giro: anello
Punti di appoggio: Rifugio Sora ‘l Sass
Acqua, sorgenti: sì
Località: Forno di Zoldo – Val Pramper
Copertura cellulare: non rilevata
Parcheggio/i: sì
Partecipanti: Autori
Autore/i: Sal & Paola
Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento.

Premessa: la prima volta che raggiungo il rifugio Casel Sora l’ Sass “Gianni Angelini” era il 2010 (Paola ci era stata più volte), non eravamo mai saliti però al Belvedere superiore per cui al rifugio entrambi avevamo lasciato un “paletto”, oggi è la giornata giusta per andare a riprenderlo…

L’escursione in dettaglio: fino al rifugio Giovanni Angelini riportiamo più o meno la descrizione del 2010. “Da Belluno raggiungiamo il grazioso paese di Forno di Zoldo appena superato l’abitato prendiamo a sinistra la stradina a fianco del campanile con la caratteristica punta stretta e lunga, attraversiamo il torrente Maè, saliamo alcuni tornanti e voltiamo a sinistra (indicazioni all’incrocio). Percorriamo la stretta rotabile, solo in parte asfaltata, che sale nel bosco inoltrandosi nella Val Prampèr. Raggiunto il parcheggio in località Pian dà la Fopa, a circa 1200 m.s.l.m. e lasciamo l’auto. Seguiamo le indicazioni e imbocchiamo il sentiero CAI 534, un ponticello in tronchi ci permette di attraversare il torrente Prampèr.

Belvedere Casel sora ‘l Sass
Panoramica © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Sono rimaste ad aspettarci le cime dello Spiz di Mezzodì, che ci sovrastano in tutta la loro severa bellezza. Iniziamo la salita ad ampi zig zag in mezzo ad un canalone detritico, dopo una buona mezz’ora giungiamo al bivio con il sentiero che porta andando a destra al bivacco Carnielli. Noi continuiamo a sinistra e prendiamo il sentiero attrezzato. Ci portiamo all’attacco della Ferrata che affrontiamo più sicuri della prima volta e in breve risaliamo i salti di roccia, la salita è divertente. E’ un sentiero attrezzato facile, ma in caso di pioggia, neve o ghiaccio può presentare difficoltà che vanno affrontate con la dovuta cautela. Sappiamo poi che le difficoltà sono soggettive quindi… da affrontare attrezzati. Continuiamo sul sentiero che dopo una breve salita prosegue in piano nel bosco fino alla bella radura panoramica dove sorge il rifugio a m. 1588 s.l.m.”.
…fino a qui sopra come per l’escursione del 2010…
Questa volta non ci fermiamo al rifugio ma continuiamo lungo il sentiero nel bosco, al bivio andiamo a destra seguendo le indicazioni per il Belvedere, sentiero CAI 532. Dopo alcuni minuti di salita troviamo un altro bivio, a destra vediamo un vetusto cartello che segna un percorso attrezzato, nel dubbio proseguiamo a sinistra sul nostro sentiero salendo il versante nord del monte; la salita è un po’ più marcata ma in poco più di mezz’ora raggiungiamo la cima del Belvedere di Mezzodì, m. 1964 s.l.m. Ancora una volta, come solo le Dolomiti sanno fare, siamo rapiti da un panorama fantastico.
Non ci sono parole per descriverlo.

Belvedere Casel sora ‘l Sass
Pelmo © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Siamo soli e ci godiamo il silenzio. Girando lo sguardo a 360 gradi ammiriamo il panorama spostando gli occhi dalle vette più lontane le Dolomiti Friulane, i Monti dell’Alpago… a quelle più vicine Pelmo, Antelao, Civetta, Sorapiss… ammiriamo e ci riposiamo. Gli Spiz sono sopra di noi, vertiginosi, impossibile non pensare al Viaz che lo attraversa, percorso nei tempi passati dalla coraggiosa Oliana per portare i viveri dal Casel ai boscaioli che lavoravano alla Pala del Làres. La ragazza affrontava avanti e indietro un vero percorso alpinistico e in suo onore il Viaz ne ha preso il nome (Viaz de l’Oliana). Scendiamo per lo stesso sentiero di salita, raggiunto il Rifugio ci fermiamo per una pausa davanti ad un paio di birre.

Belvedere Casel sora ‘l Sass
Panoramica Bosconero © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Qui chiediamo informazioni sul sentiero attrezzato per il Belvedere e ci dicono che è altrettanto facile di quello che porta al rifugio, bene, ci riserviamo di farlo la prossima volta (altro paletto). Facciamo rientro percorrendo la ferrata in discesa e poi il sentiero percorso nella mattina fino a raggiungere l’auto al Pian da la Fopa e fare rientro a casa con gli occhi e il cuore pieni di gioia.
Buona montagna a tutti.

Belvedere Casel sora ‘l Sass
Cristalli fragili © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Rispetta la montagna e porta a casa i tuoi rifiuti, lasciale i suoi fiori che nel tuo vaso durano pochissimo… Sal

Sal & Paola
© Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

se ti va lascia la tua traccia...

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.