397 Latemar, le Torri di Pisa… calcare e dolomia…

Torri di Pisa
Rifugio torri di pisa © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia Escursioni e Montagna

Titolo: Latemar, le Torri di Pisa… calcare e dolomia…
Data: 8-7-2012
Cima: Valbona 2694 m.s.l.m
Gruppo Montuoso: Latemar
Cartina: Tabacco Foglio 029 Sciliar Catinaccio Latemar
Segnavia: CAI 504 516 22 18 516
Tipologia sentiero: Escursionistico
Quota partenza: 1606 m.s.l.m
Quota da raggiungere: 2671 m.s.l.m
Dislivello: 1065 m.
Tempo*: in giornata
Difficoltà*: Escursionistico
Giro: Anello
Punti di appoggio: Rifugio Torri di Pisa
Acqua, sorgenti: non rilevate
Località: Predazzo (Stadio del salto)
Copertura cellulare: sì parziale
Parcheggio/i: sì
Partecipanti: Autori
Autore/i: Paola e Salvatore
Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento.

Premessa: questa è un escursione effettuata nel luglio del 2012 cercheremo di raccontarvela anche se col passare del tempo alcuni ricordi si sono affievoliti, i punti principali sono comunque rimasti impressi nella memoria. Per la precisione, non descriveremo la Torre di Pisa di Giotto, ma il campanile di calcare e dolomia del Latemar, che in comune con la Torre ha bellezza e inclinazione. Tutto l’itinerario è ben segnalato.

L’escursione in dettaglio: da Trento raggiungiamo Predazzo e parcheggiamo nei pressi dello Stadio del salto. Facciamo i primi 600 metri di dislivello con la funivia che ci porta al rifugio Gardone a 1606 m.s.l.m. da dove prendiamo il secondo tronco in seggiovia raggiungendo comodamente seduti il Rifugio Passo Feudo a 2175 m.s.l.m. Una stupenda ed enorme luna che spicca bianca nel cielo azzurro accompagna i nostri primi passi in questo meraviglioso eden alle pendici occidentali del Latemar.

Torri di Pisa
la luna che ci precede © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Percorriamo il primo tratto del sentiero E-516 SAT/CAI che ci porta gradualmente tra spettacolari panorami, prati verdi e rocce ad un primo bivio dove lasciamo il sentiero 516 (che porta direttamente al rifugio Torre di Pisa) proseguiamo a sinistra sul n. 22 camminando ai piedi delle altissime pareti rocciose del Latemar.

Torri di Pisa
giochi di “pirolotti” © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Al successivo bivio andiamo a destra sul sentiero 18 CAI che prosegue in marcata salita su un fianco detritico, fioriture coloratissime colonizzano le rocce scabre, un vero giardino botanico. Ci alziamo aiutati da alcuni scalini in legno e da una fune che protegge una stretta cengia fino a raggiungere un ripiano ghiaioso. Ora saliamo tra rocce, ghiaie e macigni fino ad una piccola sella affacciandoci su un altro ripiano, una piccola valle ingombra di pinnacoli di roccia, simili ai “pirulotti” che i bambini costruiscono con la sabbia bagnata. Ci fermiamo un attimo incantati, ma non siamo ancora al cospetto della torre che imita il modello pisano. Il sentiero prosegue a sinistra salendo un angusto canalino fino alla Forcella dei Camosci, 2590 m.s.l.m.

Torri di Pisa
la porta del Latemar © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Vale la pena di soffermarci per ammirare il grandioso panorama, l’anfiteatro di rocce e guglie del Latemar, quindi facciamo una pausa in compagnia delle “grole” che si avvicinano timorose e diamo loro qualche pezzo di frutta secca che gradiscono, in breve altre loro simili si avvicinano diventando sempre più ardite. Dopo aver guardato il panorama scendiamo un poco per riprendere il sentiero E-516 SAT e girovaghiamo, quasi in un labirinto, tra macigni e pinnacoli di roccia che sembrano lì lì per cadere, una mano possente sembra aver modellato la dolomia, un anfiteatro degli dei? Finalmente possiamo ammirare il campanile naturale chiamato “Torre di Pisa” e la “Porta del Latemar” un’apertura nella roccia che raggiungiamo prima di dirigerci verso il Rifugio Torre di Pisa, m. 2671 s.l.m., dove facciamo un’altra breve sosta.

Torri di Pisa
La Torre © Copyright 2019 By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Montagna

Dopo le birre di rito, scendiamo per il sentiero E- 516 sempre tra rocce e ghiaie, non mancano altri tratti pieni di ammassi, torri e guglie che rendono anche questo percorso molto articolato. Raggiungiamo i prati e facciamo rientro al Rifugio Passo Feudo, da qui raggiungiamo comodamente prima in seggiovia e poi in funivia, il parcheggio a valle.
Sal & Paola
© Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

se ti va lascia la tua traccia...

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.