455 Monte Coro, due giorni sulle Dolomiti Bellunesi la Schiara

Rifugio Furio Bianchet Monte Coro
Rifugio Bianchet © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Titolo: dal Rifugio Furio Bianchet al Monte Coro
Data: 14-7-2019
Cima: Monte Coro 1985 m.s.l.m
Gruppo Montuoso: Dolomiti Bellunesi La Schiara
Cartina: Tabacco foglio 024 Prealpi e Dolomiti Bellunesi
Segnavia: 537
Tipologia sentiero: CAI
Quota partenza: 1245 m.s.l.m
Quota da raggiungere: 1985 m.s.l.m
Dislivello: 740 m.
Tempi di percorrenza*: in giornata
Difficoltà*: Escursionistico
Giro: A/R
Punti di appoggio: Rifugio Furio Bianchet
Acqua, sorgenti: no torrenti
Località: Pian de i Gat
Copertura cellulare: no in cima solo s.o.s
Parcheggio/i:
Partecipanti: Autori
Autore/i: Sal e Paola
Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento.

Premessa: domenica mattina ci svegliamo al Rifugio Bianchet, nella pace e nel silenzio della conca del Pian de i Gat. Dopo una sostanziosa colazione siamo pronti per la nostra escursione al Monte Coro, lasciata a mezzo un anno fa quando, nel tardo pomeriggio, dopo aver fatto il tratto più duro eravamo tornati sui nostri passi.

L’escursione in dettaglio: ci incamminiamo per il sentiero 503 che porta alla Schiara e al Bivacco Della Bernardina, dopo poco, al bivio, prendiamo a destra il 537 per il Monte Coro. Iniziamo con una traversata in leggera pendenza nel bosco, poi ci aspetta in costante e ripida salita il lungo tratto erto, sempre nel bosco, fino ai ruderi di Malga Castelaz. Continuiamo sul sentiero e perdiamo un po’ di quota, sapendo che la riprenderemo tutta! Passiamo il greto di un torrente dove la traccia è scarsa e poi saliamo una ripidissima pala erbosa e franosa, sopra le nostre teste una parete di calcare che incombe …sembra che dica” attenti, passate in fretta che se no arrivo giù io” … Risalito l’erboso “Boral” raggiungiamo una dorsale di creste, finalmente un po’ di tregua in piano tra enormi sassi a strati sovrapposti di roccia, fatti come le pagine di un libro.
Qui il panorama sulle pareti settentrionali della Schiara, del Burel, della Pala Alta e Bassa è immenso e selvaggio, verticalmente sotto i nostri piedi le profonde, ostili valli boscose scendono verso la Valle del torrente Cordevole che si snoda come un nastro verso il Piave. Andiamo via spediti, superiamo la forcella del Boral de l’Ors e puntiamo verso la cima fino a raggiungere una spaccatura-camino che d’improvviso ci troviamo davanti.

Burel Monte Coro
la Schiara dalle creste del Monte Coro © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Non consideriamo nemmeno la possibilità di andare alla sua destra e affrontare la Cengia del Re, (almeno per oggi) riservata agli alpinisti dal piede di camoscio, saliamo più che soddisfatti per il breve camino. Superato questo, il più è fatto, un altro passaggio su rocce, leggermente esposto, poi ci aggrappiamo a un sorbo alpino che ci aiuta ad alzarci sui prati sommitali. Camminiamo in mezzo ai cespugli di rododendro, purtroppo la meravigliosa fioritura era a maggio, abbiamo ancora un po’ di “strada” prima di arrivare alla cima, ma oramai la vediamo avvicinarsi. Giunti in vetta siamo felici e emozionati, la vista è stupenda, non ci stanca il fantastico panorama attorno a noi e sotto i nostri piedi. Impieghiamo meno di tre ore dal Rifugio, contro le due indicate, ma ci paiono tempi un po’ stretti! Come tante altre volte, ci sembra di stare in cima al mondo. Le Valli del Cordevole e del Piave sono giù in basso, punteggiate da tanti paesi da Santa Giustina a Taibon, le catene dei monti, Schiara, Monti del Sole, Agnèr e Pale di San Lucano, Moiazza e Civetta, San Sebastiano e tanta altra roba ci fanno girare la testa. Mentre facciamo uno spuntino sogniamo e ci scambiamo altri progetti, altre cime… sogni che forse un giorno riusciremo ad avverare.

Camino Fessura Monte Coro
Camino Fesseura © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Ora purtroppo è doveroso il ritorno a ritroso fino al Rifugio Bianchet per altri 750 m di dislivello. Raggiunto il rifugio, dopo una birra e una fetta di torta gustate in santa pace sulle sedie a sdraio, ritorniamo a valle.

Monte Coro Cima
Cima Monte Coro © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Il dislivello totale in discesa è di 1.499 metri, percorriamo la strada sterrata che ci sembra infinitamente lunga e poi il sentiero fino alla nostra auto. Al Ristorante La Stanga abbiamo una bella sorpresa, troviamo gli amici di tante escursioni e festeggiamo insieme, altri giri di birra con polpette di rinforzo. Bella conclusione di due stupende giornate. Abbiamo affrontato 2.875 metri di dislivello in due giorni, non calcoliamo le ore impiegate, ma la soddisfazione di essere riusciti nella nostra impresa!
Sal & Paola
© Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

se ti va lascia la tua traccia...

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.