400 Trento… Cascata del Mughetto

foto: Trento Cascata Mughetto
Cappella Votiva © Copyright 2019 By Salvatore

Titolo: Trento… Cascata del Mughetto
Data: 27-1-2019
Cima: giro senza cima
Gruppo Montuoso: Monte Calisio
Cartina: Tabacco Foglio 062 Altopiano di Pinè Valli di Cembra e dei Mocheni
Segnavia: Cartelli (non censito SAT-CAI)
Tipologia sentiero: Escursionistico
Quota partenza: 190 m.s.l.m
Quota da raggiungere: 500 m.s.l.m
Dislivello: 310 m.
Tempo*: ore 2
Difficoltà*: facile
Giro: anello
Punti di appoggio: Meano
Acqua, sorgenti: sì fontane
Località: Trento
Copertura cellulare: sì
Parcheggio/i: senza auto
Partecipanti: gli autori
Autore/i: Salvatore e Paola
Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento.

Premessa: abbiamo a disposizione poco tempo, per fortuna anche nei dintorni della città si possono trovare itinerari che in mezz’ora portano “fuori dalla civiltà” in luoghi solitari e poco frequentati.

L’escursione in dettaglio: alle 14 circa di questa bellissima giornata di sole partiamo da Gardolo prendendo la via principale (S.Anna) fino ad imboccare sulla destra l’ultima laterale di via Sant’Anna e quasi subito sulla sinistra l’antico sentiero della Via Crucis. Saliamo per il vicolo stretto tra due muretti, i capitelli delle stazioni sono vuoti, danneggiati dalle intemperie e deturpati dalle scritte dei Writers locali. Giungiamo ad una cappella e ad una croce in pietra che riporta la data 1727 e dopo pochi metri sulla strada asfaltata che purtroppo interrompe lo storico percorso.
Percorriamo alcune centinaia di metri con diverse svolte, ai lati i terreni coltivati a vite, lasciandoci alle spalle la Valle dell’Adige con strade, fabbriche e capannoni fino a giungere all’abitato di Gardolo di Mezzo a 350 metri circa s.l.m. Alla curva nei pressi di una fontana in pietra saliamo una gradinata e passando tra le case arriviamo alla Chiesetta di S. Francesco. La strada ora scende e passato un ponte giriamo a sinistra sulla vecchia strada che porta a Meano. E’ domenica e passano poche auto, altre persone oltre a noi passeggiano a piedi. La strada è stretta e si snoda all’inizio in cengia su una forra sul cui fondo scorre il Rù di Carpine, poi ne esce girando verso destra e prosegue sempre in piano per bei prati fino al paese di Meano.
Camminiamo per la parte vecchia del paese tra le caratteristiche case con poggioli e scalette in legno e facciamo una breve visita al parco della Villa Salvadori – Zanatta, aperto al pubblico. Proseguiamo per una stradina alberata (sul percorso un bel giardino-orto che ci promettiamo di rivedere in primavera) e girando a destra ritorniamo alla piazza del paese.

foto: Trento Cascata mughetto
il viale del Parco © Copyright 2019 By Salvatore

Qui seguiamo le indicazioni per la Cascata del Mughetto, salendo per una via tra le case fino a raggiungere l’imbocco del sentiero. In pochi minuti l’ambiente cambia totalmente: il sentiero corre in mezzo ad un bosco di carpini, querce, noccioli, pini inoltrandosi nella parte alta della forra del Ru’ del Carpine. Il torrente ha intagliato le pareti scoscese che mostrano stratificazioni che vanno dal rosso al grigio, camminiamo facilmente su un letto di foglie risalendo il corso d’acqua fino a arrivare alla cascata.

foto: Trento Cascata Mughetto
Cascata Mughetto © Copyright 2019 By Salvatore

Il salto è di alcuni metri, l’acqua è ghiacciata e forma colonne bianche di varie dimensioni. Ci troviamo sotto i Masi Saracini, alle pendici del Monte Calisio, il rio nasce dalla frazione di Montevaccino e dopo un breve percorso, circa tre chilometri, arriva in Val d’Adige nei pressi di Gardolo. Il tempo stringe e torniamo sui nostri passi, quasi alla fine del sentiero, senza ritornare sulla stradina per Meano imbocchiamo a sinistra una scorciatoia che scende ripida fino al fondo della forra, passiamo il torrente e risaliamo per poco sulla riva opposta.
Proseguiamo in piano nel bosco, superiamo i ruderi di una calchèra (fornace) e sbuchiamo sulla stradina che ci riporta al ponte vicino a Gardolo di Mezzo. Qui ci sorprendono i primi fiocchi di neve, la leggera nevicata, ci accompagna per tutto il percorso di ritorno, lo stesso dell’andata, fino a Gardolo dove arriviamo alle 16.
Sal & Paola
© Copyright 2019 By Salvatore e Paola

se ti va la tua traccia...

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.