440 Lago del Trasimeno Isola Polvese

foto Lago Trasimeno e Isola Polvese
Isola Polvese il porticciolo © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Titolo: in Viaggio, Lago Trasimeno e Isola Polvese
Città: San Feliciano
Data: 21/22-5-2019
Tipologia: Viaggio in Camper
Punti di appoggio: Camper
Località: San Feliciano – Isola Polvese
Copertura cellulare: sì
Aree di Sosta o Parcheggio/: sì solo parcheggio e scarico (a maggio)
Partecipanti: Autori
Autore/i: Paola e Sal

Il Viaggio in dettaglio: il 21-5 lasciamo Castiglione e col nostro camper ci spostiamo di pochi chilometri verso sud-est, compiendo metà giro del Lago Trasimeno. Arriviamo a San Feliciano, un piccolo paese di pescatori, e come il solito facciamo un giro esplorativo. Dal parcheggio, vicino al porticciolo, prendiamo per il lungo lago da cui vediamo l’Isola Polvese, la nostra meta di domani. Passeggiamo tra i vicoli del borgo, alcune reti da pesca, circolari (detti “giacchi”) sono stese ad asciugare, ogni casa ha fuori dall’uscio tanti vasi con bellissimi fiori. Il centro storico è proprio piccolo ma grazioso con le case fatte di mattoncini, i vicoletti e le scalette che portano alla sommità dove sorge la chiesa dedicata a San Feliciano. E sul sagrato tanti gatti coccoloni ci accolgono, sembrano aspettare qualcuno che evidentemente porta loro il cibo ogni sera. Questo è un paese che deve amare i gatti, oppure sono i felini, che vedremo aggirarsi ovunque, che amano il paese dei pescatori…
La mattina del 22-5 prendiamo il traghetto per l’Isola Polvese, la più estesa delle tre isolette del Trasimeno. Sull’imbarcazione salgono tre chiassose scolaresche in gita scolastica, accompagnate da maestre che oramai devono aver fatto il callo alla confusione. Il viaggio è breve e attracchiamo al molo, nei secoli passati l’isola era abitata, ora è un’oasi naturale e la sede del Parco Scientifico Didattico. Purtroppo non possiamo avere una visita guidata, le guide sono tutte occupate con i bambini in gita. Ma è bello girare anche da soli passeggiando tra i canneti, gli ulivi secolari, le fioriture di maggio.

foto: Lago del Trasimeno Isola Polvese
Rovine della fortezza medioevale © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Andiamo a vedere la Rocca, le rovine della fortezza medioevale dove si riparavano gli abitanti in caso di assedio, è posta su un rilievo che degrada verso il lago e ha alle spalle le colline fitte di ulivi. Sono rimaste le mura esterne con le torri, collegate da un camminamento. A fianco, quasi nascosta c’è la chiesetta di San Giuliano che purtroppo è chiusa, non ne possiamo vedere gli affreschi.
Seguiamo i sentieri in lungo e in largo per tutti i settanta ettari di estensione dell’isola, arriviamo alla sommità ( circa 313 metri, questa è anche l’isola più alta delle tre) e ai ruderi della Chiesa di San Secondo, risalente all’anno Mille.

foto: Lago del Trasimeno Isola Polvese
Chiesa di San Secondo, risalente all’anno Mille. © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Accanto al complesso del Monastero degli Olivetani, restaurato e consolidato che ospita un centro di ricerca ambientale. Nei secoli passati c’erano numerosi edifici religiosi, l’isola Polvese, anticamente abitata da etruschi e romani, ha sempre assicurato tranquillità e protezione agli isolani. Tutt’attorno vediamo l’uliveto secolare che un tempo dava reddito alle varie abbazie. Però non dobbiamo rimpiangere il passato, la ricchezza dell’isola, sottomessa alla potente città di Perugia, era ottenuta sfruttando il lavoro dei poveri contadini, che per legge non potevano né fare un lavoro diverso da quello dei loro avi, né abbandonare l’isola. Tra i vecchi alberi l’erba è altissima e le edere ricoprono molti ulivi, però nella parte alta dell’uliveto qualcuno sta ripulendo e falciando. Ancora oggi da queste antichissime piante si ricava un olio extravergine molto ricercato. Passiamo vicino al lecceto di San Leonardo e poi proseguiamo fino alla fattoria-ostello Il Poggio, un’antica proprietà del conte Citterio, restaurata con criteri ecocompatibili. Scendendo verso il porticciolo passiamo a vedere il giardino delle piante acquatiche, ricavato in una vecchia cava di arenaria, nel mezzo di un prato con alberi di ulivo. Sarà per la cattiva stagione, tutto è un po’ trascurato, forse più avanti giardino e uliveti avranno un aspetto migliore. Nel pomeriggio riprendiamo il traghetto, torniamo a san Feliciano e, visto che il tempo è migliorato, completiamo il giro del lago e poi facciamo ritorno a Gubbio.
Nota tecnica: l’ara sosta camper è un parcheggio, vicino alla darsena di San Feliciano, dotato del solo scarico per le acque grigie, niente carico acqua né corrente anche se sono presenti le apposite colonnine. Per fortuna noi abbiamo sostato gratuitamente, forse solo in stagione è richiesta la tariffa esposta sui cartelli e sono offerti più servizi.
Sal & Paola
© Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

se ti va lascia la tua traccia...

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.