168 Laghetti della Rimonta in Val belluna

Laghetti della Rimonta
Laghetti della Rimonta © Copyright By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Viaggi

Laghetti della Rimonta

Data: 02/06/2016

Scheda Tecnica Riassuntiva:

Tipologia: Turistico
Segnavia: nessun segnavia S.P. 1
Quota partenza: 245 m
Quota da raggiungere: 250 m.s.l.m.
Difficoltà: Escursionistico Passeggiata
Dislivello: minimo
Tempo*: (un paio di ore)
Giro: Anello
Punti di appoggio: nessuno sull’itinerario diversi in loco 
Località: Lentiai e Mel (Provincia di Belluno)
Parcheggio/i: si
Partecipanti: Sal e Paola

Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento.

L’escursione in dettaglio:

il fiume Piave e la sua area faunistica

Dal 2015 è visitabile l’area dei Laghetti della Rimonta.
Come si raggiungono: Provenendo da Belluno prendere la strada in sinistra Piave, passare Mel, raggiungere la frazione di Bardies (appena prima del paese di Lentiai) e poco prima di attraversare il ponte sul torrente Rimonta imboccare la strada che porta alla chiesetta in via Bardies, quindi andare verso sinistra sulla stretta stradina che corre lungo il torrente, continuare fino alla serra florovivaistica. Possibilità di parcheggio. Altrimenti continuare su strada sterrata, c’è posto sotto il viadotto della tangenziale o su uno spiazzo poco dopo. I Laghetti della Rimonta sono un sito naturalistico peri-fluviale con risorgive, che si trova alla confluenza del torrente Rimonta con il Piave, è caratterizzato da una grande variabilità di nicchie ecologiche, habitat ideale per diverse specie di uccelli, rettili, anfibi.

Laghetti della Rimonta
Laghetti della Rimonta © Copyright By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Viaggi

Si può visitare percorrendo un bel sentiero accessibile a tutti, dotato di alcune passerelle in legno e guadi che permettono di oltrepassare anche i punti più critici.  Sono presenti nel sito naturale i saliceti e aree a conifere e latifoglie, Ontano bianco, Carpino bianco, Pioppo nero, varie famigliole di Orchidee e tantissimi altri fiori e piante, si possono osservare Rane e Rospi e tra i rettili l’Orbettino, la lucertola muraiola, il ramarro, non mancano le beccacce, gli usignoli, gli aironi e ovunque laghetti, torrentelli e risorgive. La visita a questo ambiente, sempre aperto al pubblico, è gratuita, il periodo migliore è in Primavera e in Autunno.

Autore/i: Salvatore Stringari e Paola Gardin
Rispetta la montagna! Riporta a casa i tuoi rifiuti non lasciarli sui sentieri!
E voi ci siete stati? Mi lasciate un commento?
Correzione testo di Paola G.
– © Copyright By Salvatore – La Traccia, Escursioni e Viaggi

Lasciate un commento? Grazie.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.