463 Tofana de Rozes e Ferrata Giovanni Lipella

Ferrata Lipella Tofana di Rozes
al sorgere del sole © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Titolo: Ferrata Giovanni Lipella e Tofana de Rozes
Data: 18-8-2019
Cima: Tofana de Rozes 3225 m.s.l.m.
Gruppo Montuoso: Dolomiti Ampezzane Tofane
Cartina: Tabacco foglio 03 Cortina d’Ampezzo e Dolomiti Ampezzane
Segnavia: 304 – 404 CAI e via Ferrata
Tipologia sentiero: Via Ferrata Esperti Escursionisti Attrezzati (E.E.A)
Quota partenza: 2037 m.s.l.m
Quota da raggiungere: 3225 m.s.l.m
Dislivello: 1188 m. (senza contare i dislivelli in negativo)
Tempi di percorrenza*: 8 ore (in giornata)
Difficoltà*: Escursionisti Esperti Attrezzati (E.E.A) moderatamente difficile
Giro: Anello della Tofana di Rozes
Punti di appoggio: Rifugio Angelo Dibona – Rifugio Giussani
Acqua, sorgenti: da scioglimento e da percolo
Località: Cortina D’Ampezzo
Copertura cellulare: parziale
Parcheggio/i: sì al Rifugio Dibona
Partecipanti: Gino, Isidoro, Paola, Salvatore.
Autore/i: Paola e Sal
Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento.

Premessa: da qualche anno gravitiamo attorno a questa montagna, l’abbiamo ammirata da tutti i lati, dal Lagazuoi, Fanes, Cinque Torri, Lastoi di Formin ecc. Negli anni scorsi eravamo saliti per la Galleria del Castelletto e lambito le sue ripide pareti per il sentiero attrezzato Astaldi. La prima vera salita alle Tofane è stata quella alla Tofana di Mezzo, già descritta nel Blog 2018. Ora proviamo con la più maestosa, la Tofana De Rozes, salendo per uno dei percorsi più belli delle Dolomiti, la Via Attrezzata Giovanni Lipella fino alla cima della Tofana, 3225 metri di puro calcare e divertimento! Però le Tofane sono tre, ci manca l’ultima, la Tofana di Inze (di Dentro) ma arriverà.

L’escursione in dettaglio: ci sono centinaia di relazioni che descrivono nei particolari la ferrata Giovanni Lipella, noi non vi annoieremo con un ennesimo resoconto “tecnico”, vi racconteremo di una grande giornata, fatta di vittorie sulle nostre paure e di soddisfazioni che ognuno di noi ha vissuto in modo intenso e diverso.

Ferrata Lipella Tofana di Rozes
una delle cenge e la val Travenanzes con Gino Da Via © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Domenica 18-8-19 è stata per noi una giornata storica, avevamo parcheggiato il camper nei pressi del Passo Falzarego il sabato pomeriggio e la mattina dopo, alle sei e mezza, ci raggiungono i nostri amici Gino e Isidoro. In auto andiamo al Rifugio Di Bona, 2083 m.s.l.m., la partenza classica, tutto l’itinerario è ben segnato. Da qui prendiamo il sentiero 403 CAI fino al bivio, a destra si va verso il Rifugio Giussani, noi proseguiamo sul 404 CAI aggirando verso ovest la grande parete sud della Tofana, tra rocce e ghiaioni, con gli occhi puntati sul panorama attorno a noi: a destra la Croda da Lago, i Lastoi di Formin, le Cinque Torri, Nuvolau, Averau e davanti la Marmolada, purtroppo sempre meno ammantata di bianco. Seguiamo le indicazioni che ci portano verso destra fino a raggiungere l’attacco al Castelletto 2475 m.s.l.m (fin qui h 1.15). Indossati casco, torcia e imbrago saliamo fino al terrazzino per addentrarci nella galleria, opera della Grande Guerra e affrontiamo in salita, aiutati da un cavo, quasi tutti i 500 metri elicoidali del buio e ripido percorso, dapprima scalinato e poi su roccia più ripida e scivolosa, fino a raggiungere, a un tornante, l’uscita a destra per la Ferrata Lipella (circa 20/25 minuti dall’entrata). La Galleria continua, infatti Isidoro conclude tutto l’itinerario, esce più in alto e poi dovrà raggiungerci scendendo per un percorso attrezzato. Noi tre invece, una volta usciti nei pressi della Forcella de Rozes a quota 2630 percorriamo il sentiero in cengia che aggira la parete ovest della Tofana, poi scendiamo fino a raggiungere l’attacco della Lipella a 2520 m.s.l.m. Che emozione, ci siamo…la difficoltà della ferrata sta soprattutto nella sua lunghezza, i nostri compagni sono vecchi camosci di monte (l’equivalente di vecchi lupi di mare) noi due serreremo i denti e ce la faremo! Saliamo i primi tratti verticali, piuttosto facili, ci godiamo il panorama appena possiamo e d’ora in poi è un’emozione unica, la visione delle pareti strapiombanti colorate di rosso, di grigio chiaro e scuro, rocce nerastre o gialle, interrotte da piccoli rivoli e spruzzi d’acqua che superiamo bagnandoci. Ci lasciamo alle spalle il Lagazuoi, sotto di noi abbiamo a picco la Val Travenanzes, a sinistra le bianche pareti di Fanes e appoggiamo mani e piedi sulla roccia della Tofana…cosa desiderare di meglio? E’ un continuo susseguirsi di tratti verticali intervallati da lunghi traversi o cenge, rocce su cui sembra impossibile possano fiorire ciuffi di papaveri gialli, cespi di felci o cuscinetti di sassifraghe.

Ferrata Lipella Tofana di Rozes
la val travenanzes e la ferrata © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Non mancano i tratti esposti, qualche fessura da passare in spaccata, ma l’attrezzatura è ottima, la roccia buona anche dove è bagnata e non mancano appoggi e appigli per mani e piedi. Raggiungiamo il bivio a circa 2700 metri, non contiamo più il tempo che passa, sappiamo solo di aver terminato la prima parte del sentiero attrezzato: a sinistra la cengia prosegue per le famose Tre Dita da cui è possibile in circa mezz’ora scendere al Rifugio Giussani, a destra continua per il secondo tratto e la Cima.

Ferrata Lipella Tofana di Rozes
Uscita dalla galleria Paola Ferrata Lipella Tofana di Rozes © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Non rinunciamo a dare una sbirciatina da lontano alle Tre Dita, ne approfittiamo per fare una mini-pausa ristoratrice, poi torniamo indietro e prendiamo a destra la lunga cengia che ci porta alla seconda parte della ferrata. Avvicinandoci vediamo gli escursionisti, come formichine, arrancare sulla parete verticale: fa un po’ d’impressione! Ci aspettano ancora 333 metri di salita in ferrata, la stanchezza si fa sentire, sono i tratti più verticali e impegnativi, con meno punti di riposo e cenge più strette e esposte, ma la soddisfazione di ammirare l’anfiteatro roccioso che risaliamo è unica! Ultimi due balzi su roccia più liscia e meno appigliata e poi l’ultima cengia ci deposita a quota 3030, sulla via normale che proviene dal Rifugio Giussani e sui cui stanno salendo in molti. Siamo sbucati sotto la cima della Tofana, da qui sembra una piramide di bianche ghiaie, ancora lontana! A questo punto non possiamo lasciare l’opera incompiuta raggiungiamo con un po di fatica (noi due, Gino e Isidoro più agilmente) anche la cima salendo gli ultimi 200 metri di dislivello. Finalmente siamo tutti e quattro sotto la croce di vetta, a 3225 metri, scambiandoci complimenti e considerazioni: il percorso della Lipella è bellissimo, con uno sviluppo lungo, ma ci ha dato tanta soddisfazione, siamo stra-felici. Non conta che ci abbiamo messo sei ore contro le 5.15 canoniche, ce l’abbiamo fatta.

Ferrata Lipella Tofana di Rozes
Cima Tofana di Rozes da sinistra Gino Da Via, Iisidoro Soravia, Paola, Sal. © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

Dalla cima scendiamo per sentiero e per tracce, il percorso non è stato proprio agevole, fino al Rifugio Giussani a metri 2580 di quota, che raggiungiamo dopo un’ora e mezza circa. Finalmente possiamo concederci una bella pausa e scolare le nostre birre in compagnia di amici, dopo il meritato riposo scendiamo per il sentiero 403 e con qualche scorciatoia e un‘altra oretta di cammino torniamo al Rifugio Di Bona.
Terminiamo come nei pensierini delle elementari: siamo stanchi ma felici e torneremo ancora sulle Tofane!
Sal & Paola
© Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna

se ti va lascia la tua traccia...

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.