483…e Sperlonga

Sperlonga
il borgo di Sperlonga © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna.

Titolo: Sperlonga
Data: 12/9/2019
Tipologia: in viaggio
Punti di appoggio: Camper
Località: Sperlonga (Latina)
Copertura cellulare: sì
Aree di Sosta o Parcheggio/: Parcheggi
Partecipanti: Autori
Autore/i: Sal & Paola

Descrizione: dopo aver lasciato Fondi, nel pomeriggio del 12 settembre, andiamo a Sperlonga, un piccolo borgo che si affaccia sul Mar Tirreno dall’alto di uno sperone di roccia, il promontorio di San Magno a 65 m. s.l.m., attorniato da magnifiche spiagge di rena bianca. Il suo nome deriva dalle spelonche, cioè gli anfratti e le grotte di cui è ricca la costa, e nominata per la prima volta come “Castrum Speloncae” in un documento del secolo X. Prima di fermarci a visitare il centro, scendiamo in camper lungo la strada costiera ancora per qualche chilometro, piccole spiagge, calette e speroni rocciosi si susseguono lungo il percorso, siamo nella parte finale dei Monti Aurunci che si protendono nel mare, ancora poco e arriveremmo al Golfo di Gaeta.

Sperlonga
il mare © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna.

Torniamo indietro e passiamo, non senza rimpiangere il poco tempo che abbiamo, l’ingresso della Villa di Tiberio, la splendida residenza risalente al I sec. d.C. appartenuta all’Imperatore Tiberio, che comprende anche la grotta naturale dove era posta la sala da pranzo estiva con i giochi d’acqua. I gruppi scultorei qui ritrovati negli scavi archeologici sono conservati nel Museo di Sperlonga. Lasciamo il camper in un grande parcheggio deserto fuori dal paese, il parchimetro prevede il pagamento con carta di credito o monete, ma come già sperimentato col bancomat o la carta di credito le colonnine non funzionano e non abbiamo metallo, né euro né sesterzi. Non ci sono aree sosta per camper, a parte i campeggi in cui non vogliamo andare perché siamo autosufficienti. In bicicletta raggiungiamo la spiaggia, bellissima, il mare è appena mosso e l’acqua tiepida, facciamo un bel bagno prima di rimetterci in sella e raggiungere il centro del paese. Sperlonga ha una lunga storia; amata dai romani che vi costruirono magnifiche ville poi ridotte a ruderi nel Medioevo, si costituì pian piano attorno al castello un piccolo borgo di pescatori, costruito in cerchi concentrici sullo sperone roccioso a picco sul mare.

Sperlonga © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna.
© Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna.

Soggetta, nonostante le fortificazioni con mura e torri, agli attacchi dei pirati saraceni fu due volte conquistata e distrutta, la prima volta nel 1534 successivamente nel 1632, ma sempre ricostruita, finite le scorrerie ottomane si arricchì di palazzi signorili tra il XII e il XIX secolo. Per prima ci attira Torre Truglia, costruita sulla punta del promontorio roccioso, che si staglia bianca tra il blu del cielo e del mare. Sorta nel 1532 su una torre romana preesistente, fu più volte distrutta e riedificata ed è in buone condizioni perché sede prima della Guardia di Finanza e poi del Centro Educativo del Parco Naturale Regionale “Riviera di Ulisse”.

Saliamo al paese, un affascinante intrico di viuzze, abitazioni, minuscole piazze, cortili e ripide scalette da cui ogni tanto abbiamo uno scorcio sul mare sottostante. Due torri, la Torre del Nibbio e la Torre Centrale, sono inglobate alle costruzioni del paese e poco visibili, le mura che circondavano Sperlonga sono state distrutte, restano solo due porte, sormontate dallo stemma della famiglia Caetani. Giunti in cima troviamo una bella piazza, numerosi locali e piccole taverne, prendiamo un gelato giusto per fare moneta, ci dispiace lasciare questo posto incantevole, ma dobbiamo partire. Torniamo con le nostre bici al camper dove troviamo sul parabrezza l’avviso di un bella multa per non aver pagato la sosta…adesso che avevamo portato il metallo! Siamo incavolati, ma è colpa nostra, dovevamo sapere che è necessario avere un sacchetto di monete per il ticket, che diamine, mica siamo nel 2020 nel Lazio.

e... Sperlonga © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna.
e… Sperlonga © Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna.

Abbandoniamo a questo punto Sperlonga per il rientro verso nord, ma non ancora il Lazio perché la curiosità è ancora tanta e puntiamo sul lago di Bracciano. Abbiamo difficoltà a trovare un’area attrezzata, anche qui il turismo itinerante non è ben visto, per i camperisti ci sono solo camping, e l’unica area adibita al turismo itinerante chiusa. Circumnavighiamo inutilmente il lago ma non troviamo dove fermarci per la notte che sta calando. Alla fine ci fermiamo nel piazzale del distributore Q 8 di Anguillara che abbandoniamo presto la mattina del 13 settembre, dopo la colazione, per fare tappa al Museo di Cerveteri e poi fare ritorno a casa. Lo so siamo polemici, ci scusiamo, ma speriamo che esprimere questi pensieri possa servire da stimolo agli amministratori del turismo… Lasciamo questi luoghi con un po’ di amaro in bocca…arriviamo a Fratta Polesine prima di trovare un’area attrezzata per camper dove manca però l’acqua potabile e da qui giungiamo al bellissimo Lago della Val Lapisina in Veneto… ultima tappa di questo viaggio… seguiteci e ve lo racconteremo.

[nota di Sal: Lazio, ho trovato questa regione bellissima per i panorami, le spiagge, la cucina, la storia. L’ho invece trovata trascuratissima per la sporcizia e il poco il rispetto per l’ambiente. Alcuni borghi o realtà si mostrano puliti e ordinati, ma lungo le strade e a ogni ansa dove sarebbe bello potersi fermare si trovano tonnellate di rifiuti abbandonati. Penso a Sperlonga: dà fastidio un camper parcheggiato in un’ area totalmente vuota… noi abbiamo giustamente pagato la multa per la nostra infrazione. Dobbiamo però riconoscere che in questa splendida zona turistica i rifiuti gettati dalla strada costiera direttamente in mare, le auto in sosta vietata, NO! non danno fastidio e non creano un danno… “Benvenuto Turista Itinerante a Sperlonga”. 12-9-2019]
Sal e Paola
© Copyright 2019 By Salvatore e Paola – La Traccia, Escursioni e Montagna.

se ti va lascia la tua traccia...

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.