501 San Dionisio, Antelao

Antelao e San Dionisio
Antelao e San Dionisio Chiesetta di San Dionisio -© Copyright 2019 2020 By Salvatore e Paola. – La Traccia, Escursioni e Montagna.

Antelao e San Dionisio, Strada del Tranego

Data: 29-12-2019
Cima: San Dionisio
Gruppo Montuoso: Antelao
Cartina: Tabacco foglio 016 Dolomiti del Centro Cadore
Segnavia: strada militare 251, 250
Tipologia sentiero: Strada Militare, Sentieri CAI, forestale
Quota partenza: 1054 m.s.l.m
Quota da raggiungere: 1967 m.s.l.m
Dislivello: (913) m.
Tempi di percorrenza*: in giornata
Difficoltà*: Facile
Giro: Anello
Punti di appoggio: Rifugio Antelao (chiedere al Rifugio prima di salire in inverno)
Acqua, sorgenti: no
Località: Pozzale
Copertura cellulare: sì
Parcheggio/i: sì
Tappe del percorso: Pozzale- strada militare del Tranego sentiero CAI 251, 250 e strada forestale per Prapiccolo, Pozzale
Partecipanti: Gino da Vià e suoi amici, Sal e Paola
Autore/i: Sal e Pao
Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento.

…e con questo nostro racconto terminiamo il 2019.
L’escursione in dettaglio:

Antelao e San Dionisio

per salire al Rifugio Antelao a 1796 m.s.l.m e alla contigua Sella di Pradonego ci sono diversi percorsi. Noi oggi abbiamo una guida autoctona, il nostro amico Gino che ci consiglia la partenza da Pozzale, un fantastico paesino in bella posizione sopra Pieve di Cadore. Aspettando due amiche con i loro bambini abbiamo modo di vedere alcune delle 32 maxi foto in bianco e nero che tappezzano le case del paese, le gigantografie riproducono le genti e i paesi di montagna, non solo di Pozzale ma anche di altri luoghi.
Partiamo appena sopra il paese, parcheggiando le auto lungo strada e iniziamo la nostra salita percorrendo la comoda strada militare del Tranego che termina sull’omonimo monte a quota 1846.

Antelao e San Dionisio Duranno
Antelao e San Dionisio Duranno -© Copyright 2019 2020 By Salvatore e Paola. – La Traccia, Escursioni e Montagna.

In caso di molta neve questa soluzione è la più gettonata anche dai locali, del resto è molto panoramica e la bella giornata ci fa gustare in pieno la vista meravigliosa sulle montagne d’Oltre Piave e sui paesi di fondovalle, col Lago di Centro Cadore. La neve è ben calpestata e non ci serviranno i ramponcini o le ciaspe fino al Rifugio. Raggiunta la sella del Tranego ci fermiamo un momento per ammirare l’Antelao, visione stupenda, poi dobbiamo perdere quota e, senza raggiungere la cima del Tranego, prendiamo la mulattiera che scende sulla sinistra fino a raggiungere Forcella Antracisa e la Capanna Tita Panciera a quota 1693 s.l.m. A questa forcella giungono altri sentieri, sia da Nebbiù che da Pozzale e vista la bellezza di questo luogo ci torneremo per raccontarveli, oltre che per trovare gli amici che hanno la fortuna di abitare sotto l’Antelao. Da qui lasciamo a sinistra il sentiero che sale verso San Dionisio e prendiamo a destra un’altra comoda strada innevata salendo fino al Rifugio Antelao.

Antelao e San Dionisio Centro Cadore
Antelao e San Dionisio Centro Cadore -© Copyright 2019 2020 By Salvatore e Paola. – La Traccia, Escursioni e Montagna.

Qui la neve è proprio tanta e i tre ragazzini che sono con noi non vedono l’ora di buttarsi a giocare e a tuffarcisi sopra. Facciamo la pausa pranzo al Rifugio con un buon piatto tipico, poi in tre decidiamo di salire fino alla chiesetta di San Dionisio a 1946 m.s.l.m di cui il nostro amico Gino è uno dei custodi. Salvatore ha dimenticato le ciaspe e Gino se ne fa prestare un paio dai gestori, persone molto disponibili e ospitali. Saliamo con le ciaspole il sentiero sopra al rifugio, dopo un breve piacevole percorso tra gli abeti il percorso si fa ripidissimo, il sentiero CAI 251 è stato battuto solo parzialmente, resta intonsa la parte più ripida del tratto finale. La neve non è stata ancora calpesta, per nessun motivo rinunceremmo a questa soddisfazione! L’aiuto di Gino che fa la prima traccia è stato essenziale, ma è servita anche tutta la nostra forza di volontà per superare il tratto erto e farinoso. Giungiamo alla Croce di Cima San Dionisio, sosta per l’insuperabile panorama sulle Marmarole, Antelao e resto del Mondo e poi in breve scendiamo alla Chiesetta. Questa volta riusciamo a visitarne l’interno grazie a Gino. Ci soffermiamo ancora ad ammirare la Cima Antelao e a bere del tè poi riprendiamo la via del rientro, ci togliamo le ciaspole e indossiamo i ramponi, la discesa è puro divertimento tra la neve polverosa… Torniamo al rifugio Antelao dove le due amiche e i ragazzi ci hanno aspettati, restituiamo le ciaspole e sempre con i ramponi ai piedi scendiamo a Forcella Antracisa.

Antelao e San Dionisio Dolomiti
Antelao e San Dionisio Dolomiti -© Copyright 2019 2020 By Salvatore e Paola. – La Traccia, Escursioni e Montagna.

Oramai fa quasi buio e ci dividiamo, le due donne con i figli prendono per il Tranego da dove eravamo saliti in mattinata, noi due e Gino scendiamo a sinistra per il sentiero 250, più scosceso e ghiacciato, che ci porterà a Prapiccolo. Da qui rientriamo a Pozzale accompagnati dalla luna avvicinandoci alle luci che illuminano le frazioncine sparse e come sospese nel buio della notte, Casenuove, Corniola, Villanova e mentre la luna ci sta a guardare ci togliamo gli scarponi, mettiamo via le frontali, è ora di salutarci e di tornare verso casa…
Sal e Paola.
-© Copyright 2019 By Salvatore e Paola. – La Traccia, Escursioni e Montagna.

se ti va lascia la tua traccia...

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.